Come Ottenere la Piena Potenza Sessuale?

Recupero della funzionalità erettile tramite impianto di Protesi Peniena

La Disfunzione Erettile

La sessualità rappresenta la parte più intima e privata di ogni individuo. La disfunzione erettile viene distinta in “primaria” o “secondaria” rispettivamente se la disfunzione si è manifestata fin dall’inizio dell’attività sessuale del soggetto o se è invece intervenuta in un secondo momento, successivamente a un periodo di vita sessuale soddisfacente.

Si divide inoltre in «organica» o «psicosomatica», pur potendo convivere le due condizioni nello stesso individuo. A livello organico le principali condizioni che generano disfunzione erettile sono gli squilibri ormonali e le vasculopatie peniene.

Importante

L’urologo/andrologo dovrà quindi escludere ogni possibile causa organica prima di prendere in considerazione eventuali fattori psicologici e situazionali.

Il Medico Risponde

In nostro staff di Urologi ed Andrologi è a tua disposizione e risponde ai tuoi dubbi medici.

Scrivi la tua domanda, scegli il medico per la risposta oppure lascia che selezioniamo noi il medico per fornirti la migliore risposta al tuo quesito.





    Terapie non chirurgiche

    Terapia Orale

    La somministrazione di questi farmaci per il trattamento della disfunzione erettile è indicata per potenziare gli effetti dell’ossido nitrico, sostanza chimica naturale prodotta dall’organismo per rilassare i muscoli del pene. Questi farmaci incrementano il flusso sanguigno, facilitando l’immediatezza di risposta (erezione) allo stimolo sessuale. Gli inibitori della 5-fosfodiesterasi sono i farmaci più utilizzati in terapia per la cura della disfunzione erettile: questi principi attivi, inibendo l’enzima 5-fosfodiesterasi favoriscono l’ottenimento e il mantenimento dell’erezione. Fanno parte di questi farmaci il sildenafil (famoso Viagra), tadalafil, Avanafil, vardenafil.

    Terapia Sostitutiva con Testosterone

    In alcuni uomini, la disfunzione erettile dipende essenzialmente da una carenza di testosterone; di conseguenza, una supplementazione ormonale a base di testosterone.

    Terapia Iniettiva

    Il farmaco viene utilizzato per iniezione intracavernosa (l’erezione viene generata dopo 5-20 minuti dall’iniezione). La durata dell’erezione è di circa un’ora.

    Vacuum Device

    Si tratta di un dispositivo che tramite la creazione di un vuoto d’aria riesce a generare una erezione automatica. Tale strumento è molto utile anche a scopo riabilitativo. Si utilizza da solo o in associazione con i farmaci.
    Protesi Peniena completamente contenuta internamente

    Nessuna visibilità dall'esterno della protesi

    Riproduci video

    La Protesi Peniena

    Che cosa è esattamente?
    La protesi peniena, al pari della protesi mammaria o dell’anca, è un dispositivo medico ad alta tecnologia che consente il recupero della funzionalità erettile nei pazienti affetti da disfunzione erettile resistente o intolleranti alla terapia farmacologica.
    Quali sono le indicazioni per impiantare una protesi peniena?

    L'impianto è indicato per paziente resistenti o intolleranti a terapia farmacologica orale o iniettiva.

    Videotestimonianze

    La videointervista gentilmente rilasciata da uno dei nostri pazienti 

    Testimonianze

    Cosa scrivono i pazienti con impianto di protesi peniena
    Sono diabetico e iperteso, non ricordo quando ho iniziato ad avere problemi di erezioni, credo già a 30 anni. Ero spaventato dall'intervento di protesi peniena per come avrebbero reagito le mie future donne. Posso dire di essere rinato, vivo ogni rapporto come se avessi 20 anni, la sensazione è come avere un pene normale, le mie compagnie sono sempre soddisfatte.



    Paolo, 58 anni
    Ho subito un intervento chirurgico alla prostata per tumore che mi ha reso completamente impotente, credevo che la mia vita fosse finita sotto l'aspetto sessuale, non nego di aver provato spesso un senso di profonda depressione pensando anche a mia moglie. Mi è stato consigliato un intervento di protesi peniena, ricordo di averlo escluso subito ma dopo 2 anni mi sono convinto a farlo. Posso solo dire di aver buttato via 2 anni di vita, sono soddisfattissimo.
    Mario, 58 anni
    Mi sono appena sposata con mio marito, 43 anni, portatore di protesi peniena dopo un incidente stradale e la rottura di alcuni vasi sanguigni che portano il sangue al pene. Posso dire che sia io che lui viviamo una sessualità meravigliosa, abbiamo un figlio.









    Carla, 35 anni
    Dopo 8 anni passati ad utilizzare il Cialis mi ero stufato di vedere la mia erezione sempre più debole nonostante utilizzassi dosi sempre più forti del farmaco, ho deciso di seguire il consiglio del mio medico di famiglia e sono andato a visita da un andrologo esperto di protesi peniena. Dopo qualche mese ho messo una protesi tricomponente, ammetto che all'inizio è stato difficile accettarlo ma è durato fino a quando non ho iniziato ad utilizzarla con la mia compagnia, siamo una coppia nuova adesso.
    Riccardo, 74 anni
    Ero già portatore di protesi peniena dall'età di 45 anni dopo aver subito la resezione del retto per un tumore dell'intestino, ho recentemente subito un intervento per sostituire la mia vecchia protesi peniena che si era consumata. Sono passato da una protesi bi-componente ad una tricomponente. Ammetto che la differenza in termini di dimensioni è notevole ma soprattutto non è cambiato niente in termini di sensazione e percezione, sono molto soddisfatto.

    Rodolfo, 68 anni

    I Nostri Medici

    Dr. Gianmartin Cito

    Chirurgo Urologo

    Dr. Andre Cocci

    Chirurgo Robotico Urologo e Andrologo

    Dr. Francesco Sessa

    Chirurgo Urologo

    Dr. Giorgio Ivan Russo

    Prof. Urologo

    Come Trovarci

    Compila il Modulo e Prenota Un Appuntamento

    Clinica Columbus

    Via M. Buonarroti, 48
    20145 Milano

    Villa Donatello

    Via A. Ragionieri, 101
    50019 Sesto Fiorentino (Firenze)

    Email

    segreteria@aquabeam.it

    Prenota Un Appuntamento









      Hai un dubbio?

      Per risolvere un dubbio medico o per richiedere ulteriori informazioni vai alla sezione il medico risponde

      Torna su